Una città millenaria dai mille volti, con le sue strade polverose, intessute di trame di una storia antica e preziosa, lasciata in eredità all’umanità.

Il Cairo, la città divisa dal Grande Nilo, con le sue Piramidi e i suoi Faraoni, riporta alla memoria a storie e leggende affascinanti che stimolano la curiosità del viaggiatore invitandolo ad ammirare di persona cotanta tanta bellezza.

Il suo nome di derivazione araba, che si traduce in la ‘soggiogatrice’, esprime bene il ruolo che essa ha avuto nel corso della sua storia.

Luoghi da visitare

La costruzione della città risale al tempo dei Faraoni e il suo nome originario era Heliopolis. Nel corso dei millenni si sono sovrapposte dinastie, culture e religioni diverse, lasciando impronte importanti, attualmente visibili all’interno della città. Nella parte antica della città, patrimonio dell’Unesco, è tangibile la traccia della cultura islamica che si riflette nell’architettura delle costruzioni.

Il Cairo offre vari tesori, noti e meno noti, che meritano sicuramente una visita, tra questi ve ne consigliamo alcuni.

La Città Vecchia

La Città Vecchia evidenzia le origini romanico-bizantine con i suoi numerosi edifici, simbolo di un susseguirsi di varie religioni e culti diversi che hanno contraddistinto la storia egiziana. Sede della fortezza romana di Babilonia, sorta nel III sec. D.C., rappresentava il primo centro abitato: oggi nota con il nome di Misr al-Qadima è un aggregato di costruzioni dell’epoca cristiana, infatti visitandola non è difficile trovare testimonianze di riti cristiani.

Principale attrazione turistica che si alterna alle mete più note, situata nella parte meridionale della città, è un dipanarsi di vicoli stretti che conducono a dei veri e propri gioielli dell’antichità, come la sinagoga Ben Ezra, che la leggenda fa risalire ai tempi di Mosè e che, dopo la sua restaurazione del 1980, ha sospeso la pratica del culto, o la Chiesa Sospesa, un omaggio alla Vergine Maria, che sorge sulla sommità della Porta sull’Acqua nella fortezza di Babilonia. Continuando la passeggiata incontrerete la moschea più antica dell’Egitto: Amr Ibn El-As, e la chiesa copta di El- Moallaqa.

I musei

Visitando il Cairo è obbligatoria una tappa ai suoi musei; il più importante e conosciuto è il Museo Egizio: visitato ogni anno da milioni di viaggiatori, è uno dei musei più coinvolgenti del mondo.

Raccoglie al suo interno circa di 136.000 reperti, testimoni di ogni epoca della storia d’Egitto. Verrete immersi in un mondo visto solo attraverso i film, troverete sarcofagi, mummie e il tesoro di Tutankhamon e la sua tomba, ritrovata inalterata nonostante i millenni passati.

Merita una visita anche il Museo della Ceramica Islamica che racchiude reperti provenienti dall’Egitto, ma anche da zone come Iran, Turchia e Spagna. Delizierete i vostri occhi con decori floreali o geometrici impressi su diversi materiali.

Trovandovi nel lato Vecchio del Cairo non ci si può esimere dal visitare il Museo Copto per ammirare le testimonianze della religione cristiana, oltre ai manufatti artigianali utilizzati quotidianamente tra il III e il XVIII secolo.

La Piana di Giza

Ad una ventina di chilometri dal Cairo, sul lato sud ovest, si trova il sito archeologico di Giza, che ospita le Piramidi, affascinanti quanto imponenti e particolari costruzioni. La più grande è la piramide di Khufu, considerata una delle sette meraviglie del mondo: trovandosi ai suoi piedi, la sensazione che si prova è quella di sentirsi una formica.

Sempre in questa zona, situata difronte al sole in una parte della necropoli di Memphis vicina alle Piramidi di Cheope, Menkaure e Chefren, sorge la Grande Sfinge e il Museo della Barca Solare, la cui forma somiglia ad una navicella spaziale e raccoglie i resti di un’imbarcazione egiziana. Il suo nome deriva dai vascelli dei dipinti tombali con i quali il Dio Sole viaggiava nei i cieli.

La Piana è famosa anche per lo Spettacolo di suoni e di luci dalla durata di 1 ora, durante la quale ci si può deliziare con uno spettacolo di immagini, giochi di luci, storie e musica.

Il bazar di Khan el-Khalili

Trovandovi in Midan El Hussein, in uno dei quartieri commerciali più antichi del mondo, sarete sicuramente attratti dalle rumorose contrattazioni del bazar di Khan el-Khalili. Risalente al 1382, rappresenta uno dei più famosi ed estesi bazar del Medio Oriente; nonostante nel XVI secolo fu distrutto, rimase comunque il fulcro del commercio della città. Molto importante è il commercio delle stoffe e le botteghe delle spezie, dove i colori e i profumi travolgeranno in vostri sensi. In questo famoso bazar troverete ogni tipo di mercanzia; un consiglio, se volete acquistare preparatevi a contrattare, la contrattazione del presto è un aspetto tipico dei bazar orientali. Quando sarete stanchi riposatevi al Café Fishawi, una delle più antiche e famose sale da caffè del Cairo.

Che altro aggiungere per organizzare un viaggio in questa terra così ricca di storia e di bellezze? Forse un consiglio: partite senza preconcetti, liberi di conoscere una cultura lontana dalla nostra ma estremamente affascinante e coinvolgente. Pensate a questo viaggio come un viaggio in un tempo lontano, lasciando che i profumi e i suoni possano penetrare l’anima affascinandola.

Roberta Sturiale
Laureata in Scienze Turistiche, ha visitato il mondo con gli occhi di una bambina entusiasta in cerca di nuove emozioni. Ama viaggiare zaino in spalla, per un'esperienza di viaggio unica.