Ecco la nostra piccola guida e i nostri consigli per rendere indimenticabile la vostra gita ai Laghi di Monticchio, una delle perle naturali della Basilicata.

I “gemelli del Vulture“, così sono chiamati i due laghi posti sulla sommità di un vulcano spento e comunicanti tra loro attraverso un ruscello che porta le acque del piccolo al grande, colpiscono per la bellezza delle sfumature di verde delle loro superfici.

Una tra le mete imperdibili durante le vostre vacanze nelle terre un tempo conosciute come Lucania.

Raggiungere i laghi di Monticchio in auto: come arrivare e dove parcheggiare

Partendo da Potenza si percorre la strada statale SS93 in direzione Melfi-Foggia fino a Rionero in Vulture, si prosegue poi sulla strada provinciale SP167.

Il tragitto misura complessivamente 53 chilometri. Arrivati in località Monticchio Laghi non sarà difficile trovare parcheggio: la strada passa nelle vicinanze del Lago Piccolo di Monticchio e gira praticamente intorno al Lago Grande.

Purtroppo non è molto agevole raggiungere i Laghi di Monticchio con i mezzi pubblici, ma potete usufruire del treno o del bus per raggiungere Rionero in Volture da Potenza e proseguire in taxi per l’ultimo tratto di 20 chilometri.

Cosa fare ai Laghi di Monticchio: attività ricreative e culturali

Anche solo la bella passeggiata nella natura vale la pena di una visita ai Laghi di Monticchio.

Un sentiero principale attraversa l’area boschiva che circonda il lago piccolo, dalla flora e fauna ricchissime. Faggi, aceri, carpini e frassini danno riparo a numerose specie, anche rare, di animali selvatici: rettili, anfibi, pesci ed uccelli. Rara e protetta dal microclima di quest’area, presente nelle zone umide del fiume Ofanto e dell’Atella, è la farfalla notturna Acanthobrahmaea.

Oltre alla riserva naturalistica di ben 187 ettari in cui i laghi sono inseriti, vi raccomandiamo di visitare il museo di storia naturale del Vulture: vi si può arrivare facilmente in macchina seguendo le indicazioni sulla strada provinciale, o proseguendo a piedi in una diramazione del sentiero sopra citato.

Durante la passeggiata potrete visitare anche l’Abbazia di San Michele, edificio religioso eretto nel VIII secolo d.C. su una grotta scavata nel tufo già nel IV-III secolo a.C.; la badia è ora composta da un convento a più piani, una chiesa settecentesca e la cappella di S. Michele.

Per gli amanti dell’arte e dell’architettura sono da non perdere i mosaici bizantini e gli affreschi della metà del XI secolo nella Grotta dell’Angelo, per i più religiosi invece è possibile immergere le dita nell’acqua benedetta che sgorga naturalmente dalla parete.

Ad ovest, in prossimità dell’istmo che separa i due laghi e raggiungibile a piedi dal Museo, troverete le rovine dell’Abbazia di Sant’Ippolito, probabilmente uno dei primi insediamenti dei monaci benedettini dopo l’abbazia di Montecassino, con elementi architettonici risalenti al X, XI e XII secolo.

Per un momento di svago ulteriore durante la gita ai Laghi vi segnaliamo che, nella bella stagione, sulle rive del Lago Grande è possibile noleggiare pedalò. Nelle ore più calde del giorno e con il cielo sereno potrete ammirare da vicino i fiori galleggianti della Ninfea Alba, che gradiscono particolarmente le acque di questi laghi, con temperature più elevate tra i laghi italiani.

Piacevole anche un giro tra i vicoli del piccolo centro urbano di Monticchio con i suoi negozietti di artigianato locale, utili per chi è in cerca di souvenir.

Per i più attivi e sportivi, una passeggiata in bicicletta o un’escursione a cavallo sono il modo migliore per godere della natura e dei paesaggi di questa zona verdeggiante. Troverete numerose strutture in loco dove noleggiare una bicicletta e più di un maneggio che vi aiuterà ad organizzare la vostra cavalcata.

Mangiare bene ai Laghi di Monticchio: ristoranti e agriturismi per piatti tipici di qualità

Se siete appassionati della buona cucina italiana, la zona dei Laghi di Monticchio offre la possibilità di mangiare bene anche a prezzi contenuti.

Dalle specialità culinarie della tradizione lucana all’internazionale pizza, troverete un po’ di tutto nei ristoranti, nelle trattorie e negli agriturismi nei pressi dei laghi.

È possibile, e anche divertente, acquistare prodotti locali e mangiare all’aria aperta improvvisando un pic-nic. Troverete aree nel verde dedicate alle famiglie e ai bambini, attrezzate con panche, tavoli e giochi.

Un consiglio gastronomico su cosa non perdere durante una gita ai Laghi di Monticchio? Sicuramente i salumi e i formaggi top della tradizione della Basilicata. Al ristorante non mancate di assaggiare la pasta fresca con legumi “legane” e la carne di cinghiale.