Il Portogallo è una meta turistica interessante e ricca di proposte. Infatti, ha un patrimonio storico culturale intriso di secoli e secoli di storia: custodisce ben 22 tra centri storici, siti archeologici, parchi naturali e patrimonio immateriale considerati dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Si possono citare, a tal proposito: il centro storico delle città di Porto, Guimarães, Évora, il Parco Archeologico di Vale do Côa, i monasteri di Alcobaça, Batalha e la lista non finisce qui. Il Portogallo offre chilometri di spiagge e una varietà di paesaggi costieri tra spiagge di sabbia fine, insenature rocciose e scogliere.

Il clima, mite tutto l’anno, rende questa nazione una meta perfetta per trascorrere le vacanze in qualunque stagione. Sport all’aria aperta, festival musicali e passeggiate tra la natura sono alcune delle attività offerte dalle numerose località turistiche portoghesi. Nell’imbarazzo della scelta tra le varie città da visitare, da non perdere sono sicuramente: la capitale Lisbona, Faro e Oporto. Ecco una piccola guida su cosa vedere se decidete di trascorrere una settimana tra queste città.

Lisbona: città di multietnica ricca di storia

La capitale è ricchissima di cultura, storia e testimonianze del passato: Lisbona è una città davvero multietnica e vivace.

Mentre nel quartiere di Baixa Pombalina si respira un’atmosfera neoclassica, con palazzi ricostruiti successivamente al terremoto del 1755, in quello di Belèm si individuano i legami con la storia dei primi esploratori portoghesi; qui, infatti, molti monumenti sono sorti proprio grazie alle ricchezze provenienti dalle colonie.

Baixa, inoltre, è anche zona privilegiata per chi ama fare shopping: lungo l’Avenida de Liberardade, principale strada di Lisbona, sorgono numerose attività e costituisce il cuore pulsante della vita cittadina. Poco distanti dai quartieri su citati, sorgono il Monastero dos Jerònimos e la Torre di Beèm, considerati patrimonio mondiale dall’Unesco e, pertanto, meritano sicuramente una visita.

Fate una passeggiata tra le caratteristiche stradine tortuose, sulle quali si affacciano caratteristiche e antiche botteghe, nei quartieri di Alfama, Mourara e Bairro Alto. Alfama, in particolare, è il più antico quartiere di Lisbona caratterizzato da un intreccio di strette viuzze che portano su fino al castello, arroccato sulla collina da cui domina tutta la città. Nell’affascinante quartiere di Alfama si concentrano la maggior parte degli edifici storici più importanti e rappresentativi della città: la Cattedrale Sé, il già citato castello, il Pantheon Nazionale e la Chiesa di Sant’Antonio.

Faro: città sulla laguna

Sulla costa atlantica portoghese a soli 10 metri sul livello del mare, sorge la città di Faro, che si affaccia su una laguna che costituisce parte integrante del Parco Naturale Rio Formosa, rifugio di uccelli migratori e di diversi animali selvatici. Il Parco può essere esplorato tramite un tour in barca.

Il centro storico di Faro è ancora cinto dalle antiche mura, ed è possibile passeggiare tra le vie, intere aree pedonali, dedicandosi allo shopping o soffermandosi tra locali e bar sulle piazze particolarmente vivaci alla sera. Ad esempio, in Rua de Santo António e in Rua de Vasco de Gama si trovano i migliori caffè e ristoranti all’aperto nei quali poter gustare tipiche pietanze della tradizione portoghese.

La piccola cittadina si presta per essere visitata in una sola giornata: seguendo le antiche mura si possono raggiungere le antiche rovine del castello; la porta nord conduce sul retro della Cattedrale e al vicino Museo Archeologico; attraversata la piazza del Palacete Belmarço si giunge al cuore del centro storico.

La città è raggiungibile sia in treno che in autobus: diverse le linee che la collegano alle principali città portoghesi. L’aeroporto internazionale di Faro, invece, è il principale del Portogallo meridionale situato a soli 7 km a sud-ovest della città.

Oporto: una delle più antiche città d’Europa

Il paesaggio urbano della città di Oporto è caratterizzato dai numerosi campanili e chiese barocche, dalle architetture medievali e dai palazzi in stile art-dèco. Le vie del centro storco creano quasi un labirinto di stretti percorsi tra i quali ammirare i fasti del passato e lasciarsi incantare dalle colorate facciate delle abitazioni e dalle botteghe artigianali.

Appena fuori dal centro storico prevalgono, invece, l’architettura moderna e le sperimentazioni contemporanee dell’arte. Per godere di queste atmosfere potrete passeggiare lungo le strade di Ribeira, o costeggiare il fiume Douro e, se attraversate il Ponte Dom Luis I, potrete ammirare una spettacolare vista sulla città. Il Ponte stesso costituisce un’attrazione architettonica e ingegneristica: si tratta di struttura realizzata su due livelli (uno riservato al passaggio della metropolitana, l’altro a quello dei pedoni) da Théophile Seyrig, allievo di Gustave Eiffel.

Fermatevi a visitare la Cattedrale, simile ad una fortezza: la più antica testimonianza architettonica della città; visitate il Palazzo della Borsa che racchiude all’interno incantevoli sale, la chiesa di San Francesco e la libreria antica della città, attiva dal 1906, Lello&Irmao, ubicata all’interno di un edificio in Rua das Carmelita.

Matteo Mazziotti
Matteo da quasi 3 anni gira e lavora tra Asia e Europa. Tra un viaggio e l'altro scrive su tesoroturismo.it, unendo la passione per i viaggi a quella della scrittura. Amante delle foto instantanee, viaggia sempre con una Polaroid al collo.