Sempre più persone sono interessate a organizzare le proprie vacanze in Africa a gennaio. Per questo motivo, in rete numerosi utenti chiedono consigli di viaggio sulle migliori mete dove andare nel primo mese dell’anno.

Il continente africano vanta un’ampia offerta turistica in inverno, soprattutto se si prendono in considerazione i Paesi situati nell’emisfero australe, come ad esempio il Sudafrica.

Di seguito i suggerimenti su dove andare in Africa a gennaio, le cose da fare e vedere, il clima e le info più importanti da conoscere sull’assicurazione di viaggio.

Dove andare in Africa a gennaio

La destinazione turistica principale dove trascorrere le vacanze in Africa a gennaio è il Sudafrica, con in evidenza Città del Capo, da dove poi ci si può spostare per esplorare la celebre Garden Route, senza dimenticare la possibilità di effettuare un safari all’interno del Kruger National Park o in qualsiasi altra riserva naturale privata ospitata dalla nazione sudafricana.

Oltre al Sudafrica, una meta consigliata per le vacanze di gennaio in Africa è l’arcipelago di Capo Verde, situato al largo della costa nord occidentale del continente africano. Gli amanti del windsurf hanno l’opportunità di cavalcare le onde del mare di Boa Vista, mentre le famiglie e le coppie di viaggiatori più tranquille possono godersi la tranquillità delle spiagge dell’isola di Sal. Se ci si sposta nell’Africa orientale, le due destinazioni più consigliate sono Madagascar e Tanzania. La prima regala antichi siti archeologici, foreste pluviali e barriere coralline, la seconda invece è una delle mete preferite dai turisti per i safari.

Clima in Africa a gennaio

Prendendo come punto di riferimento iniziale il Sudafrica e scegliendo come destinazione Città del Capo, si è in presenza di un clima mediterraneo. In estate (da dicembre a marzo) la temperatura è compresa tra i 25 e 27°C, mentre in inverno (da giugno a settembre) la temperatura massima si attesta intorno ai 18°C. A Capo Verde, invece, il clima è tropicale arido. Le temperature durante tutti i dodici mesi dell’anno si mantengono tra i 24°C di gennaio e i 27°C di luglio e agosto. Le piogge sono quasi del tutto assenti, visto che in alcune isole cadono meno di 100 mm in un anno.

Le poche precipitazioni si concentrano soprattutto nei mesi estivi, sotto forma di improvvisi temporali. Cambia ancora il clima nel Paese del Madagascar, dove ci si imbatte in un clima subtropicale, caratterizzato da una stagione calda e umida (da novembre ad aprile) e una fresca e secca che inizia a maggio e termina a ottobre.

Clima simile in Tanzania, dove in alcune zone si registra oltre al clima subtropicale anche quello tropicale. A gennaio la temperatura massima media si aggira intorno ai 32°C, con precipitazioni sotto i 100 mm (gennaio è uno dei mesi meno piovosi di tutto l’anno).

Cosa fare e cosa vedere in Africa a gennaio

Una vacanza in Sudafrica si presta alla visita di Città del Capo, la Città Madre, collegata con l’Italia attraverso un moderno aeroporto internazionale distante meno di 30 minuti d’auto dal centro.

Restando a Cape Town il consiglio è di visitare il Capo di Buona Speranza, la Table Mountain e la Boulders Beach (la spiaggia dei pinguini).

Durante il viaggio, si può anche organizzare un’escursione al Kruger National Park per una delle migliori esperienze di safari presenti nel continente africano. Se invece si sceglie Capo Verde, la destinazione di maggiore interesse è l’isola di Sal. Lunghe spiagge caratterizzate da una sabbia bianchissima accolgono i visitatori stranieri. La più bella è la spiaggia di Santa Maria, che si estende per un totale di 8 km. Per chi ama il surf può invece prendere in considerazione Ponta Preta e Calheta Funda.

Madagascar e Tanzania si distinguono per la loro natura incontaminata e la bellezza dei paesaggi naturali. Il Madagascar è la patria dei Lemuri e di eccezionali parchi naturali, tra cui Isalo, Montagna d’Ambra e Handohaela. Per gli amanti del mare, si segnala inoltre la presenza dell’isola di Nosy Be, considerata un autentico paradiso terrestre dai turisti stranieri in visita nel Paese dell’Africa orientale per la prima volta. La Tanzania è nota in tutto il mondo per tre gioielli naturali di inestimabile valore: l’isola di Zanzibar, il Kilimangiaro e il Parco nazionale del Serengeti.

Zanzibar si presta a una vacanza rilassante al mare, tra immersioni subacquee e snorkeling. Il Kilimangiaro si presta a intensi percorsi di trekking della durata di alcuni giorni. Infine, il Parco nazionale del Serengeti è meta di numerosi safari, il più gettonato dei quali ha per oggetto la migrazione degli gnu.